giovedì 17 settembre 2015

Abbiamo incontrato




31 marzo 2017 - Lambrate (MI)
Circolo ARCI -
presentazione libro "Il nostro NO"


9 marzo Buttigliera Alta (TO)
sala comunale
presentazione libro "Il nostro NO"


27 gennaio 2017 – Condove
biblioteca - Grande Cortile
don Alessandro Santoro e suor Stefania
della comunità Cenacolo delle Piagge di Firenze
"Eventi profetici" con letture di alcune prediche di Savonarola e scritti di don Milani


27 settembre 2016 – Torino
libreria Trebisonda
presentazione libro "Il nostro NO"


12 marzo 2016 – NAPOLI
don Alex Zanotelli
presentazione libro "Il nostro NO"


12 febbraio 2016 – Condove
biblioteca - Grande Cortile
presentazione libro "Il nostro NO"


15 gennaio 2016 - Susa (TO)
libreria Panassi
presentazione libro "Il nostro NO"


6 dicembre - Venaus (TO) 
Centro polivalente
presentazione libro "Il nostro NO"


14 agosto 2015 – Bussoleno
Barbara De Bernardi, docente di religione cattolica (Sant’Ambrogio)
don Nandino Capovilla, Pax Christi (Venezia)
Ing. Mario Cavargna, Pro Natura (Bussoleno)
Gigi Richetto, professore filosofia (Bussoleno)
“Forum sull’enciclica Laudato si’


10-16 agosto 2015 - Val di Susa
Don Nandino Capovilla con il Collettivo giovani di Pax Christi Italia
don Renato Sacco, coordinatore nazionale di Pax Christi Italia
mons. Marc Stenger, vescovo di Troyes (Regione Champagne-Ardenne, Francia) e presidente di Pax Christi France
mons. Giovanni Ricchiuti, arcivescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva (Bari) e presidente di Pax Christi Italia
Dalla Val Susa all’Europa - Cantiere per un futuro possibile con la gente della Valle che resiste”


30 aprile 2014 - Condove,
Serata organizzata dal Valsusa Filmfest,
con Alex Zanotelli missionario comboniano (Napoli)
Marco Aime, antropologo (Genova)
“Nuove povertà e bellezza”


30 gennaio 2015 – Condove
Don Nandino Capovilla e Betta Tusset, Pax Christi (Venezia)
presentazione libro "ESCLUSI - Nelleperiferie esistenziali con Papa Francesco"


11 novembre 2014 – Condove
Padre Renato Kizito Sesana, missionario comboniano (Koinonia Community Shalom House Nairobi)
Enzo Toschi e Mauro Pagnano, rappresentanti del Coordinamento Comitati Fuochi (province di Napoli e Caserta)
“Povertà urbana: dai sotterranei del mondo all’Italia nella Terra dei Fuochi”


21 novembre 2013 – Bussoleno
Don Albino Bizzotto, fondatore dell’associazione Beati i costruttori di pace (Padova)
“Il territorio al servizio dei soldi o della vita?”


aprile 2013
Siamo stati sostenitori del film “L’anima attesa” su don Tonino Bello, di Winspeare
vescovo di Molfetta, già presidente di Pax Christi, per il quale è in corso il processo di beatificazione.


24 novembre 2012 – Condove
Don Aniello Manganiello, guanelliano (Scampia, NA)
Oliviero Alotto, presidente di Terra del Fuoco
“Gesù è più forte della camorra”


16 aprile 2013 – Clarea
Inaugurazione Campo della Memoria


15 agosto 2012 – Chiomonte
Don Nandino Capovilla, coordinatore nazionale di Pax Christi (Venezia)
“Magnificat della Valsusa”


15 maggio 2012 - Vaie e Clarea
Incontro con preti operai giunti da diversi paesi europei per il loro raduno annuale


4 aprile 2012 – Condove
Padre Gianfranco Testa, missionario della Consolata (Torino)
“Ascoltateli!”


9 marzo 2012 – Condove
Don Marco Baroncini (Bologna)
“Testimone della frana di Ripoli”


2 marzo 2012 – Susa
Don Fredo Olivero, pastorale Migrantes (Torino)
Aly Baba Faye (Senegal) , 
“Diritto alla cittadinanza”


27 ottobre 2011 – Condove
Don Adriano Sella, missionario del creato (Padova)
“I nuovi stili di vita”


9 febbraio 2011 – Condove
Don Renato Sacco, Pax Christi (Novara)
Elisabetta Brunella, Rosa Bianca (Trento)
Roberto Forte, responsabile Terra del Fuoco Internazionale membro del FLARE (Network internazionale per la lotta alle criminalità organizzate)
“Quali priorità per uno sviluppo basato sulla giustizia?”


30 novembre 2010 – Bussoleno
Dr. Marco Tomalino, medico di base, Coordinamento operatori sanitari Val di Susa
“TAV e salute”


18 giugno 2010 – Condove
Padre Beppe Giunti, francescano (Roma)
“Artefici del proprio sviluppo. I popoli ne sono i primi responsabili”


13 aprile 2010 – Bussoleno
Don Andrea Gallo, Comunità San Benedetto al Porto (Genova)
“Osare la speranza”

 
 
 
.


Veglie di preghiera












* Veglia di Preghiera per Nicolas, Lorenzo e Stefano davanti al CTO (To) del 5-3-2013




* Veglie di Preghiera : Insieme nella preghiera - per la pace e il bene della valle - Rendici testimoni del tuo amore 



martedì 15 settembre 2015

il Collettivo Giovani di Pax Christi visita la Valle di Susa

2015_08_11-17 -  il Collettivo Giovani Pax Christi Italia e Francia visita la Valle di Susa

Nei giorni dal 11 al 17 agosto abbiamo avuto graditissimi ospiti alcuni dei ragazzi del Collettivo Giovani Pax Christi Italia e Francia








 

 





venerdì 11 settembre 2015

Lezioni pratiche di alternativa - Pax Christi 2015



(10 – 16 Agosto 2015)

"La  Val di Susa è un po’ il tallone di Achille del sistema-paese.
Una valle che non accetta il progresso, che rifiuta la tecnologia e preferisce chiudersi su se stessa, tentando di sottrarsi a un mondo sempre più interconnesso…"

Il Collettivo giovani di Pax è andato a vedere con i propri occhi se le cose stanno proprio così.

E ha scoperto nella valle che disobbedisce un movimento tutto colorato, molto diverso da quello che tv e giornali rappresentano. Dai «freddi numeri» del prof. Tartaglia che ci spiegano l’inutilità tecnica, dati alla mano, del progetto TAV, alla calda accoglienza dei presìdi che ci abbracciano e ci nutrono di prelibatezze a km0; di sovversivo tra i monti delle Alpi valsusine abbiamo trovato soltanto un’umanità che si ostina ad anteporre la socialità e il rispetto dell’ambiente alla dura legge del profitto di pochi.
Ecco sì, in questo i valsusini sono proprio dei sovversivi o, meglio, degli inversivi, perché invertono i paradigmi dominanti.

All’obbligo della distruzione ambientale rispondono con un’associazione di imprenditori etici per la difesa dei beni comuni, Etinomia. E all’imperativo di sacrificare i legami sociali per accrescere la megamacchina produttiva rispondono cucinando insieme, manifestando pacificamente, interrogandosi collettivamente, vivendo diversamente. Una comunità responsabile e conviviale. Qualcosa di davvero pericoloso nel mondo thatcheriano in cui «non esiste la società, esistono solo gli individui».  

Chi può, allora, vada a farsi un giro in Valsusa.

Non troverà violenti col passamontagna ma incontrerà, come l’abbiamo incontrato noi, un popolo vivo che pone a se stesso e a tutti noi un interrogativo a cui ormai abbiamo paura di rispondere: è davvero così che vogliamo vivere nel mondo?

Il collettivo giovani di Pax Christi in Val di Susa


Pubblicato il 11 set 2015



(foto di Francesca Turra)